sabato , Novembre 28 2020

IN PRIMO PIANO

“L’ORA DELLA NASCITA” di Giuseppe Civitarese

Giuseppe Civitarese, L’ora della nascita – Psicoanalisi del sublime e arte contemporanea. ed. Jaca Book – Prefazione di Nadia Fusini.

L’ora della nascita è un’indagine sull’essenza di ciò che ci rende umani attraverso un dialogo su un piano paritario fra psicoanalisi e arte. Ciascuna ha qualcosa da dire all’altra che la rivela a se stessa. Man mano, da questa specie di gioco del reciproco riconoscimento si sviluppano idee nuove sull’oggetto che è al centro dell’interesse comune. Le domande che si scambiano sono: come nasce la psiche? perché si può dire che la bellezza sia necessaria alla vita? ciò che sperimentiamo come «semplicemente» bello in cosa si differenzia dall’esperienza estetica che definiamo «sublime»? «Sublime» è la singola parola che organizza tutti i materiali del libro: l’antico trattato di retorica che suggerisce agli autori come raggiungere le vette più alte dell’espressività artistica, l’estetica romantica che ad essa si ispira, il concetto freudiano di sublimazione come teoria psicoanalitica dell’arte, gli esempi di sublime contemporaneo – da Serra a Kapoor, o da McQueen a Kiefer – con i quali mettere alla prova l’ipotesi interpretativa di base.


Dalla Prefazione di N. Fusini:

“Qui c’è uno psicoanalista che ha occhio, oltre che orecchio. E sguardo, oltre che ascolto. E ha fiducia: fiducia nell’arte della pittura che contempla, e nell’arte della parola, la psicoanalisi, che pratica. In questo libro – che è un omaggio all’arte contemporanea, per il modo in cui si intona a una retorica del sublime di ispirazione classica; e al concetto di sublimazione, di ispirazione freudiana – Giuseppe Civitarese compone in ardito intreccio due passioni, due fedi, addirittura. O forse, più semplicemente, due corpi d’amore, due facce della materia di cui vive, del cibo di cui si alimenta con slancio e rigore. Appunto, la psicoanalisi e l’arte.

Il tema è la ‘nascita’, come il titolo avverte. Anzi, l’“ora della nascita” – la nascita introducendo all’idea di tempo, e l’orizzonte della generazione istituendo di per sé l’arco di un prima e di un dopo. In verità, per chi se ne renda consapevole (ma non tutti ci riescono, o lo vogliono), l’ora e qui, il punto focale, la freccia puntuale della nascita sono ogni giorno a tema nell’esperienza del vivere; perché come insegna John Keats, “chi è creativo crea se stesso”. Cito un poeta che Giuseppe Civitarese conosce, e a sua volta cita in questo libro, perché conoscendolo, riconosce la sua capacità di illuminazione.
[…] Si esce dalla lettura di questo libro grati, illuminati. Con l’impressione che l’autore sappia far parlare le opere. E con il presentimento che in virtù della medesima apertura e accortezza e corrispondenza d’amorosi sensi accolga chi nasce alla parola. Con lui, nella scena analitica.”


Giuseppe Civitarese, psichiatra, e psicoanalista (SPI, IPA, APsaA), vive e lavora a Pavia. È stato direttore della Rivista di Psicoanalisi. Ha pubblicato circa 300 lavori sulle maggiori riviste nazionali e internazionali. Trai libri, quasi tutti tradotti in inglese e alcuni anche in altre lingue: L’intima stanza. Teoria e tecnica del campo analitico, Roma 2008; La violenza delle emozioni. Bion e la psicoanalisi postbioniana, Milano 2011; Perdere la testa. Abiezione, conflitto estetico e critica psicoanalitica, Firenze 2012; Il sogno necessario: nuove teorie e tecniche dell’interpretazione in psicoanalisi, Milano 2013; I sensi e l’inconscio, Roma 2014; Il campo analitico e le sue trasformazioni, con A. Ferro, Milano 2015; Trasposizioni. Glossarietto di psicoanalisi, Milano-Udine 2017; Un invito alla psicoanalisi, con A. Ferro, Roma 2018; Soggetti sublimi: esperienza estetica e intersoggettività in psicoanalisi, Milano-Udine, 2018; Vitalità e gioco in psicoanalisi, con A. Ferro, Milano. Ha curato inoltre i volumi: L’ipocondria e il dubbio: L’approccio psicoanalitico, Milano, 2011; Le parole e i sogni, Roma, 2015; The W. R. Bion Tradition: Lines of Development—Evolution of Theory and Practice over the Decades, Londra 2015; Advances in Psychoanalytic Field Theory: International Field Theory Association Round Table Discussion, Londra 2016; Bion e la psicoanalisi contemporanea. Leggere ‘Memoria del futuro’, Milano-Udine 2020.

Indice del volume:
Prefazione: L’arte è sublime, o non è, Nadia Fusini

1. L’imminenza dell’oggetto
2. Una storia di successo
3. Il sublime ora
4. Il serpente nel labirinto
5. Uno spazio pieno di oscurità 6. Il dio-fiume del sangue

7. Savage Beauty
8. Palazzi celesti
9. Can’t help myself
10. La sublimazione reinventata 11. La materia del tempo

12. Il corpo abietto
13. Oh vita, cominciata in un Sanguigno fluire

Giornate di studio 2021

GIORNATE DI STUDIO 2021LA CLINICA PSICOANALITICA

“Setting formativi e di cura in psicoanalisi e psichiatria”

L’evento è costituito da sette “Giornate di studio”, incontri in cui i relatori, psicoanalisti di fama nazionale ed internazionale, presentano il loro vertice di osservazione sul setting interno e diagnostico in psichiatria e in psicoanalisi mostrandone differenze, criticità ed estensioni.

20 marzo Angelo Macchia

17 aprile Nicolino Cesare Rossi

22 maggio Giuseppe Civitarese

5 giugno Mauro Manica

25/26 settembre Avner Bergstein

23 ottobre Franco Borgogno