Home / Presentazione

Presentazione

Fondata a Chieti nel 1999 da un gruppo di professionisti dalla trentennale esperienza clinica e di ricerca, l’Associazione Psicoanalitica Abruzzese (APA) è una consolidata realtà formativa e scientifica di livello nazionale il cui scopo è la diffusione e lo sviluppo della psicoanalisi come metodo di cura d’elezione del disagio psichico. Fin dalle origini, l’APA è impegnata in molteplici attività cliniche, didattiche e congressuali rivolte sia a chi aspira a divenire psicoterapeuta, sia ai professionisti più esperti che si muovono alla ricerca di un confronto e un aggiornamento continuo.

Consapevoli che il disagio emotivo contemporaneo necessita di essere affrontato attraverso un’ottica bio-psico-sociale, l’Associazione si orienta verso le teorie psicoanalitiche più recenti in grado di dialogare con le moderne scoperte neuroscientifiche, così come Freud stesso aveva auspicato per il futuro della sua creatura, e le teorie sistemiche che superano ampiamente le vecchie diatribe basate sull’opposizione mente-corpo e natura-cultura. Oggi è infatti comprovato che l’individuo è il risultato di complesse interazioni tra patrimonio genetico e ambiente nelle sue declinazioni relazionali e culturali.

I fini didattici dell’APA sono perseguiti dall’Istituto di Psicoterapia Psicoanalitica “Marco Levi Bianchini – Sergio De Risio”, riconosciuto dal Ministero dell’Università e della Ricerca con D.M. del 18/07/2002 e successive modifiche del 03/07/2007 – G.U. n°165 del 18/07/2007  ai sensi dell’art. 3 della Legge 56/89, che permette ai laureati in psicologia e medicina di specializzarsi in psicoterapia psicoanalitica in accordo, oltreché con le leggi nazionali, con gli standard formativi internazionali. La formazione prevede un percorso fondato su lezioni e seminari della durata di quattro anni che accompagna la necessaria esperienza analitica personale richiesta all’allievo e le supervisioni cliniche condotte sia individualmente che in gruppo.

Il percorso didattico segue lo sviluppo della teoria e della tecnica psicoanalitica a partire da S. Freud e dai suoi allievi (K. Abraham e S. Ferenczi, etc.), si sofferma particolarmente sui successivi contributi della Scuola inglese (M. Klein, W. R. Bion, H. Rosenfeld, D. W. Winnicott, etc.) e sudamericana (W. e M. Baranger, H. Etchegoyen, A. B. Ferrari, etc.), per concludersi con le teorie contemporanee elaborate da psicoanalisti di respiro internazionale (A. Ferro, T. H. Ogden, C. Bollas, G. Civitarese, etc.). Particolare attenzione sarà inoltre rivolta ai proficui dialoghi che negli ultimi anni la psicoanalisi ha aperto con le neuroscienze, l’infant research e gli studi sull’attaccamento.

L’intenso calendario scientifico dell’Associazione si contraddistingue per l’organizzazione delle “Giornate di Studio”: un ciclo annuale di seminari e convegni che si rivolge ai soci, agli allievi e ai professionisti della salute mentale al fine di promuovere una formazione permanente attraverso l’incontro con psicoanalisti di fama internazionale invitati come relatori per esporre le loro ricerche e i loro avanzamenti. Parallelamente a tale attività, l’Associazione è poi impegnata nella presentazione dei più recenti scritti psicoanalitici e di opere cinematografiche di interesse psicoanalitico attraverso l’incontro con gli Autori.

Gli stretti rapporti instaurati negli anni con le strutture sociosanitarie del territorio e con l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara, permettono all’APA di condurre molteplici iniziative cliniche come il “Cento di Ascolto del Disagio Giovanile”, le supervisioni cliniche in strutture intermedie e varie altre attività di consulenza. Offre altresì l’opportunità di effettuare tirocini post-lauream in psicologia e di usufruire dei cinque posti da uditore messi annualmente a disposizione per laureati in psicologia e medicina che vogliono confrontarsi con la formazione psicoanalitica.